ASSUNZIONI AGEVOLATE

  

Requisiti

Sgravio contributivo

artigianato

 

APPRENDISTATO

 

 

Giovani dai 16 ai 24 anni.

Possono essere assunti giovani di 15 anni di età con almeno 9 anni di obbligo scolastico.

 

Per il settore artigiano il limite massimo di età può essere elevato a 29 anni per qualifiche ad alto contenuto professionale, se previsto dai Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro.

 

L’azienda è tenuta a richiedere apposita autorizzazione alla Direzione Provinciale del Lavoro.

 

 

La contribuzione INPS / INAIL è pari a €. 0,02 settimanali per tutto il periodo di apprendistato e, qualora il lavoratore venga qualificato e mantenuto in servizio, la stessa contribuzione è mantenuta per i successivi 12 mesi.

Le agevolazioni sono subordinate alla frequenza dei corsi di formazione annuali.

 

CONTRATTO DI FORMAZIONE
E LAVORO

 

Giovani dai 16 ai 32 anni non compiuti.

 

-   Le imprese devono aver confermato in servizio almeno il 60% dei lavoratori assunti con CFL scaduto nei 24 mesi precedenti

-   non devono avere in corso sospensioni dal lavoro (salvo che siano professionalità diverse)

-   non devono aver proceduto a riduzione di personale nei 12 mesi precedenti (salvo che per professionalità diverse)

 

Lo sgravio contributivo del 25% è sempre legittimo, mentre le riduzioni in misura superiore sono subordinate alla presenza delle seguenti condizioni:

·  giovani che non hanno compiuto 25 anni di età

·  disoccupati da almeno 1 anno

(è sufficiente una delle suddette condizioni)

Al di fuori delle precedenti condizioni, i benefici contributivi interi sono riconosciuti applicando la regola del “de minimis”: la ditta non deve superare i 100.000 Euro su 3 anni di aiuti pubblici nazionali, regionali o locali oppure nelle ipotesi di trasformazione del C.F.L. quando questi realizzi un incremento netto di occupazione rispetto alla media degli occupati nei 6 mesi precedenti.

Per il conteggio degli sgravi contributivi per il calcolo del “de minimis” si considera, per i C.F.L., la parte di riduzione contributiva che supera il 25%.

La regola del “de minimis” non si applica al settore trasporti.

 

Agevolazioni piene INPS / INAIL pari al contributo settimanale come apprendista:

·  CFL tipologia A1- A2: sgravio per massimo 24 mesi

·  CFL tipologia B: sgravio per massimo 12 mesi al termine del CFL

 

DISOCCUPATI DA ALMENO 24 MESI O CASSA INT.

 

·  Lavoratori di qualsiasi età iscritti nelle liste dei disoccupati da almeno 24 mesi.

·  Lavoratori sospesi dal lavoro e beneficiari di CIG speciale da almeno 24 mesi.

 

L’assunzione deve avvenire a tempo indeterminato (tempo pieno o part-time).

 

L’assunzione non deve avvenire in sostituzione di lavoratori licenziati o sospesi di pari professionalità.

 

 

 

Esenzione totale dei contributi INPS – INAIL per 36 mesi.

 

 

LAVORATORI ISCRITTI NELLE LISTE DI MOBILITA’

 

 

 

 

 

Lavoratori di qualunque età iscritti nelle liste di mobilità.

I lavoratori di pari professionalità licenziati per riduzione di personale negli ultimi 12 mesi hanno il diritto di precedenza nelle assunzioni.

 

L’assunzione può avvenire:

 

 

·  a tempo pieno e indeterminato o a tempo parziale

 

 

 

 

 

 

 

 

  ·  con contratto a termine per un massimo di 12 mesi anche a tempo parziale

 

 

 

 ·  se il contratto a termine viene trasformato a tempo indeterminato prima della scadenza del termine

 

 

 

 

 

 

 

 

I contributi INPS sono pari a quelli dovuti per gli apprendisti per 18 mesi:

-   €. 2,65 settimanali.

Se il dipendente percepisce l’indennità di mobilità sarà riconosciuta a favore dell’azienda il 50% dell’indennità che sarebbe spettata al lavoratore per un massimo di:

-   12 mesi se il lavoratore non supera i 50 anni

-   24 mesi se il lavoratore è ultra-cinquantenne

-   36 mesi nelle zone con rapporto di disoccupazione superiore alla media nazionale.

 

 

I contributi INPS sono pari a quelli dovuti per gli apprendisti:

-   €. 2,65 settimanali NO INAIL.

 

I contributi dovuti all’INPS sono ridotti per ulteriori 12 mesi dalla data di trasformazione del contratto.

·  Gli sgravi contributivi non devono superare un totale di 23 mesi complessivi

·  Se il dipendente percepisce l’indennità di mobilità sarà riconosciuto a favore dell’azienda il 50% dell’indennità di mobilità che sarebbe spettata al lavoratore per un massimo di:

-   12 mesi se il lavoratore non supera i 50 anni

-   24 mesi se il lavoratore è ultra-cinquantenne

-   36 mesi nelle zone con rapporto di disoccupazione superiore alla media nazionale.

 

Nota:  i benefici contributivi sono esclusi nel caso in cui i lavoratori stessi siano stati collocati in mobilità, nei 6 mesi precedenti, da parte di un datore di lavoro che presenta assetti proprietari sostanzialmente coincidenti o in rapporto di controllo o collegamento con l’impresa che assume. Una procedura particolare è prevista per i casi di operazioni societarie straordinarie.

 

LAVORATORI ASSUNTI A TEMPO DETERMINATO IN SOSTITUZIONE DI LAVORATRICI / LAVORATORI IN ASTENSIONE DAL LAVORO PER MATERNITA’

 

 

Aziende con meno di 20 dipendenti.

 

 

 

Lo sgravio contributivo INPS – INAIL è pari al 50% dei contributi dovuti dal datore di lavoro fino al compimento di 1 anno di età del figlio della lavoratrice o lavoratore in astensione (ovvero per un anno dall’accoglienza del minore adottato o in affidamento).

 

 

LAVORATORI
IN CIG STRAORDINARIA

 

 

 

 

   

 

Lavoratori dipendenti da imprese beneficiare di CIGS da almeno 6 mesi e che abbiano fruito del trattamento straordinario di integrazione salariale per almeno 3 mesi anche non continuativi.

 

L’assunzione deve avvenire a tempo pieno e indeterminato con passaggio diretto.

 

L’azienda non deve avere in atto sospensioni per CIGS, ovvero non deve aver proceduto a riduzione di personale di pari professionalità nei 12 mesi precedenti.

 

 Contributi INPS ridotti per 12 mesi pari a quelli stabiliti per gli apprendisti:

- €. 2,65 settimanali.

 

L’azienda può inoltre godere del contributo mensile pari al 50% dell’indennità di mobilità che sarebbe spettata al lavoratore per un massimo di :

-   9 mesi se il lavoratore non supera i 50 anni

-   21 mesi se il lavoratore è ultra-cinquantenne

-   33 mesi nelle zone con rapporto di disoccupazione superiore alla media nazionale.

 

 

LAVORATORI IN DISOCCUPAZIONE SPECIALE

(CONTRATTO DI REINSERIMENTO)

 

 

 

Lavoratori disoccupati iscritti nelle liste di mobilità (di cui all’art. 8 comma 9 Legge 407/90) che fruiscono del trattamento di disoccupazione speciale da almeno 12 mesi (settore edile).

 

L’assunzione deve avvenire a tempo indeterminato anche part-time.

 

L’azienda che assume non deve avere in atto sospensioni per CIGS o non deve aver effettuato riduzioni di personale di pari professionalità nei 12 mesi precedenti.

 

 

I contributi INPS a carico del datore di lavoro sono ridotti del 75% per un periodo di tempo variabile:

-   12 mesi per lavoratore disoccupato da meno di 2 anni

-   24 mesi per lavoratore disoccupato da 2 a 3 anni

-   36 mesi per lavoratore disoccupato da oltre 3 anni

 

Il datore di lavoro può optare per una riduzione del 37,50% dei contributi a proprio carico per un periodo pari al doppio di quello di effettiva disoccupazione del lavoratore assunto, in ogni caso, per un massimo di 72 mesi.

 

ASSUNZIONE COLTIVATORI DIRETTI
NEI COMUNI MONTANI

 

 

 

Coltivatori diretti, iscritti allo SCAU, residenti in comuni montani.

 

Il datore di lavoro deve avere sede ed operare in comune montano, anche se diverso dal comune montano di residenza del lavoratore.

 

L’assunzione può avvenire con contratto part-time (per un massimo di 20 ore settimanali) o per tempo determinato o per lavoro stagionale.

 

 

Esonero dei contributi INPS e INAIL.

 

LAVORATORI SOCIALMENTE UTILI

 

 

 

I lavoratori devono aver conseguito una permanenza nei LSU da almeno 12 mesi alla data del 31/12/97 o che siano stati impegnati in LSU per 12 mesi nel periodo 01.01.1998 – 31.12.1999.

 

L’assunzione deve avvenire a tempo pieno e indeterminato.

 

In caso di assunzione part-time con orario settimanale pari o superiore a 30 ore il beneficio spetta in misura intera; per orario inferiore a 30 ore settimanali spetta in misura proporzionalmente ridotta.

Incentivo pari a € 9.296,00 pro capite erogato in tre rate annuali di pari importo mediante conguaglio sui versamenti contributivi.

 

E’ necessario presentare domanda all’INPS allegando copia del contratto individuale di lavoro e documentazione attestante l’iscrizione come lavoratore socialmente utile.

 

Il beneficio è cumulabile con altri incentivi all’assunzione nei limiti della normativa comunitaria (limite 15.000 €)

 

LAVORATORI
CHE HANNO MATURATO
I REQUISITI
PER LA PENSIONE

 

 

Lavoratori dipendenti che hanno maturato i requisiti minimi per l’accesso alla pensione di anzianità e lavoratori con almeno 40 anni di contributi con meno di 65 anni di età se uomo ovvero 60 anni di età se donna.

I datori di lavoro ed i lavoratori non versano i contributi relativi all’assicurazione obbligatoria IVS.

 

Deve essere stipulato un contratto a termine per almeno 2 anni con possibilità di rinnovo anche per un periodo inferiore.

 

 

CREDITO D’IMPOSTA
PER NUOVE ASSUNZIONI

 

 

Datori di lavoro che assumono:

·  nuovi dipendenti di età uguale o superiore a 25 anni

·  che non abbiano svolto attività di lavoro dipendente a tempo indeterminato da almeno 24 mesi

·  che configurino incremento della base occupazionale presente nel periodo 01/10/99 – 30/09/2000

·  se portatori di handicap non è richiesto il predetto requisito dei 24 mesi

·  siano osservati i CCNL

·  siano rispettate le norme di sicurezza previste dal D.Lgs. 626/94 e successivi decreti.

 

 

Periodo di applicazione: 01/10/2000 – 31/12/2003.

 

Credito d’imposta di € 413,17 per ciascun lavoratore assunto e per ciascun mese, commisurato all’incremento dell’occupazione.

 

Per i lavoratori part-time il credito spetta in misura proporzionale all’orario svolto.

 

Il credito d’imposta è cumulabile con altri incentivi.

 

Il credito d’imposta è utilizzabile solo in compensazione su mod. F24 

 

STAGE
O
 TIROCINIO

 

 

 

 

Giovani disoccupati, studenti, neo laureati, neo diplomati.

 

I tirocini sono svolti in base ad apposita convenzione stipulata tra soggetti promotori e datori di lavoro.

 

Sono abilitati alla stipula delle convenzioni:

-   sezioni circoscrizionali per l’impiego

-   istituzioni scolastiche statali e non statali che rilascino titoli di studio con valore legale

-   centri pubblici o a partecipazione pubblica di formazione professionale e/o di orientamento nonché centri convenzionati con la Regione o la Provincia

-   università ed istituti di istruzione universitaria statali e non statali

-   provveditorato agli studi

-   comunità terapeutiche, enti e cooperative iscritti in specifici albi regionali

-   servizi di inserimento lavorativo per disabili gestiti da enti pubblici

 

 

Non configura rapporto di lavoro subordinato.

 

Non vi è obbligo di versamenti contributivi INPS.

 

La ditta non  tenuta al pagamento di alcuna retribuzione ma può riconoscere una somma mensile a titolo di “borsa lavoro”.

 

Il datore di lavoro è tenuto:

-   ad assicurare i tirocinanti all’INAIL

-   a sottoscrivere un’assicurazione avente ad oggetto la responsabilità civile verso terzi

-   ad istituire un tutore

 

La durata massima varia in base al livello degli studi e delle caratteristiche del giovane con i seguenti limiti:

·  non superiore a 4 mesi per studenti che frequentano la scuola secondaria

·  non superiore a 6 mesi per lavoratori inoccupati o disoccupati (compresi quelli iscritti nelle liste di mobilità)

·  non superiore a 12 mesi per studenti universitari compresi coloro che frequentano corsi di diploma universitario nonché scuole e corsi di perfezionamento

·  non superiore a 12 mesi per persone svantaggiate

·  non superiore a 24 mesi per portatori di handicap

 

I datori di lavoro possono ospitare tirocinanti in relazione all’attività dell’azienda, nei limiti di:

-   1 tirocinante per aziende fino a 5 dipendenti

-   2 tirocinanti contemporaneamente per aziende tra i 6 ed i 19 dipendenti assunti a tempo indeterminato

-   fino al 10% del numero complessivo di dipendenti per aziende con più di 20 dipendenti assunti a tempo indeterminato.

 

 

DIPLOMATI
DA
ISTITUTI PROFESSIONALI

 

 

Giovani fino a 32 anni in possesso di diploma di qualifica conseguito presso un istituto professionale o di attestato di qualifica.

 

Assunzione a tempo indeterminato.

Per i primi 6 mesi dall’assunzione la contribuzione INPS – INAIL è pari alla misura prevista per gli apprendisti:

- €. 0,02 settimanali

 

 

ASSOCIAZIONE ARTIGIANI DELLA PROVINCIA DI CUNEO
Via 1° Maggio, 8 - Cuneo
Tel. 0171 451111 - Fax 0171 697453